Conversione patente estera

Per maggiori informazioni è possibile scrivere all’indirizzo email giorgio@autoscuolamarradi.com (indicare nell’oggetto “conversione patente”).

  • Patente comunitaria (Unione Europea o Spazio Economico Europeo)
    • Le patenti di guida rilasciate da stati appartenenti all’Unione Europea o allo Spazio Economico Europeo sono equiparate alle patenti italiane.
  • Patente non comunitaria
    • Per i titolari di una patente di guida non comunitaria è possibile guidare veicoli cui la patente abilita fino ad un anno dall’acquisizione della residenza.
  • Regno Unito
    • Si potrà procedere alla conversione delle patenti di guida rilasciate dalle autorità britanniche solo previo accordo bilaterale che disciplini la materia, tra l’Italia e Regno Unito come nel caso di altri Paesi extracomunitari. Per il momento e fino a nuove disposizioni,  non è quindi possibile accettare domande di conversione delle patenti di guida britanniche.
  • Patente non comunitaria ottenuta a seguito di conversione di patente italiana
    • Procedura riservata a titolari di patente di guida italiana che si trasferiscano in uno Stato non comunitario dove ottengono la conversione del documento di guida italiano e, rientrati in Italia ne richiedano la conversione in patente italiana. In tal caso la domanda di conversione di patente non convertibile può essere accettata in quanto il conducente era già titolare di patente italiana. Per la conversione si osserva la procedura per “Patente non comunitaria”. (Circolare n.1/2000 prot.6814/4639E del 04/01/2000)
    • Detta procedura è applicabile anche alle patenti di guida britanniche rilasciate per conversione di patente italiana. Per la conversione si osserva la procedura per “Patente non comunitaria”. (Registro Ufficiale I.0022558 del 01/02/2021)
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: